Perché il mio cane puzza come un “cane”?

Con l’arrivo delle prime piogge autunnali e il clima più freddo ed umido, quando torno a casa con il mio cane mi accorgo subito che l’odore che emana  non è molto gradevole.

I cani non sono tutti uguali ed anche il loro odore differisce a seconda della razza, alcune sono quasi inodori come barboncini, maltesi e bichon frisé, mentre altre come cani da caccia e dei climi freddi, tipo Labrador, Terranova, Siberian Husky. hanno la pelle particolarmente grassa, cosa che li protegge quando sono in acqua, ma senza una regolare igiene, li fa puzzare terribilmente.

Ogni cane, si sa, ha il suo odore corporeo che nessun bagno leverà mai, anzi non dovrebbe mai  farlo. Ma è chiaro che un cane sano e pulito permette una convivenza più facile e piacevole.

Nel caso poi si tratti di un odore che sconfina in una vera e propria puzza, nonostante l’igiene di cui il cane è oggetto, siamo di fronte ad un segnale che ci indica che probabilmente  qualcosa non va. A questo punto  è consigliabile un’accurata visita da parte del veterinario che indagherà  sulla presenza di eventuali disturbi o malattie.

Semplici accorgimenti per minimizzare l’odore di cane in casa

  • arieggiare l’abitazionevarie volte al giorno permette un ricambio d’aria che contribuisce a rendere più sano l’ambiente;
  • adottare una particolare attenzione alla pulizia e salubrità dei luoghi preferiti dal vostro amico: la cuccia, il tappeto, o il divano, che dovrebbero essere protetti da teli facilmente lavabili e che vi consigliamo di cambiare spesso. A
  • verificare che l’angolo della “pappa” sia sempre rigorosamente pulito, soprattutto lavando frequentemente le sue ciotole.

.

Ma come mai l’odore del cane si acuisce quando il pelo è bagnato?

Al ritorno da una passeggiata sotto la pioggia, l’odore del nostro amico a quattro zampe è molto intenso  perché nel suo sotto pelo prolificano funghi e batteri che prosperano nel sebo prodotto dalla sua pelle. Con il pelo asciutto, è quasi impercettibile, ma quando il cane si bagna, l’acqua rompe i legami che tengono insieme queste particelle microscopiche, e i composti volatili si liberano nell’aria e arrivano, purtroppo,  alle nostre narici. Spesso non è nemmeno necessario che il cane  si  bagni, basta anche solo una giornata più umida per farlo puzzare: mentre l’acqua evapora, l’umidità intorno al corpo del cane aumenta e l’aria si satura delle molecole “puzzolenti”.

Questo succede anche dopo il bagnetto in casa?

No, a patto che il nostro cane sia asciugato  bene, possibilmente con un phon, perché un asciugamano non basta a eliminare l’umidità.  E’ meglio non usare spray e deodoranti, di solito gli danno fastidio e in più mascherano l’odore ma non fanno niente per eliminarlo.

La spazzolatura  resta un atto essenziale contro il cattivo odore del cane: fate in modo che sia frequente, almeno una o due volte alla settimana, a seconda che il pelo sia lungo o corto.

Alimenti equilibrati per un cane sano

I mangimi secchi di Nuova Fattoria sono prodotti con materie prime di ottima qualità.

E se il fastidioso odore non deriva dal suo pelo?

Potrebbe dipendere anche dal suo alito, in questo caso  è consigliabile una visita dal veterinario che verificherà se la causa sia un disturbo dentale o gengivale, oppure può decidere di approfondire l’analisi per scongiurare la presenza di altre patologie.  Potrebbe infatti trattarsi di di disturbi alimentari come allergie, intolleranze a certi cibi o dalla bassa qualità del cibo stesso somministrato.

Come sempre, questo articolo vuole essere solamente di carattere divulgativo,  ma non può e non vuole in alcun modo sostituirsi al parere e giudizio di un medico veterinario, al  quale si deve sempre ed in ogni caso riferimento.