MALANNI DI STAGIONE PER CANI E GATTI

L’inverno è una stagione non facile sia per gli umani che per i nostri pet, ma esistono specifici malanni di stagione per cane e gatto. L’arrivo del freddo causa soprattutto problematiche alle vie respiratorie e al sistema gastro-intestinale. Il raffreddore nel cane e nel gatto presenta sintomi simili a quello degli esseri umani: difficoltà nella respirazione, narici congestionate, starnuti frequenti, inappetenza e a volte febbre.

Come per qualsiasi tipo di malattia, la via migliore è sempre la prevenzione. Prima di tutto bisogna evitare gli sbalzi di temperatura,: le nostre case sono riscaldate da stufe o termosifoni, quindi non è difficile prendersi un colpo di freddo quando si esce all’aperto; una buona regola sarebbe quella di proteggere anche il nostro cane con un cappottino o un impermeabile in caso piovesse e di asciugarli una volta rientrati nei nostri alloggi.

Il freddo infatti può causare casi di diarrea, mentre soprattutto negli esemplari più anziani può comportare artriti e dolori articolari. Rimanere al caldo in questi casi è il rimedio più facile ed efficace.

Se vi capita di riconoscere nel vostro cane o nel vostro gatto una tosse stizzosa, o difficoltà a deglutire e a sentire gli odori, la prima cosa da valutare è l’atteggiamento complessivo del nostro amico a quattro zampe. Se si dimostra reattivo, con voglia di giocare, appetito costante e buon umore, la malattia può essere anche gestita da noi, ma se abbiamo dubbi è importante rivolgersi subito al nostro veterinario di fiducia.

Anche alcuni fastidiosi parassiti, tra i quali è molto nota la tigna, possono essere presenti nella stagione invernale.  La tigna è un fungo che agisce sulla pelle del cane e del gatto (ma che può essere trasmessa anche all’uomo), causando lesioni, alopecia, prurito e croste. La tigna colpisce soprattutto gli esemplari immunodepressi oppure stressati, ma non rappresenta un problema particolarmente grave. Una volta diagnosticata dal veterinario può essere debellata con una terapia specifica, alla quale si aggiunge l’accortezza di non permettere a cane e gatto di grattare o leccare le zone interessate.

Il calo dell’umore e l’importanza di coccole e gioco

Come accennavamo nel paragrafo prima, I malanni di stagione per cane e gatto non si presentano solo sotto forma di disturbi fisici, ma anche emotivi. Con l’arrivo della stagione fredda e la conseguente diminuzione delle ore di luce, cane e gatto possono mostrare sbalzi d’umore.

In primo luogo è bene ricordare che l’arrivo dell’autunno non deve mettere in pausa le passeggiate, che possono essere un ottimo rimedio contro la depressione stagionale.
Sia nel cane che nel gatto il gioco è un elemento altrettanto valido per combattere la tristezza e la pigrizia dovute all’arrivo dei mesi freddi e per rafforzare il legame tra uomo e animale.
Al gioco vanno unite poi le coccole, fondamentali per far sentire cane e gatto a loro agio e soddisfatti, anche in condizioni meteorologiche avverse.

.